1. Figli di Issacar: Tola, Pua, Iasub, Simron: quattro.

2. Figli di Tola: Uzzi, Refaià, Ierièl. Iacmài, Ibsam, Samuele, capi dei casati di Tola, uomini valorosi. Nel censimento al tempo di Davide il loro numero era di ventiduemilaseicento.

3. Figli di Uzzi: Izrachia. Figli di Izrachia: Michele, Abdia, Gioele... Issia: cinque, tutti capi.

4. Secondo il censimento, eseguito per casati, avevano trentaseimila uomini nelle loro schiere armate per la guerra, poiché abbondavano di mogli e di figli.

5. I loro fratelli, appartenenti a tutti i clan di Issacar, uomini valorosi, nel censimento erano ottantasettemila in tutto.

6. Figli di Beniamino: Bela, Beker e Iedaièl; tre.

7. Figli di Bela: Ezbon, Uzzi, Uzzièl, Ierimòt, Iri, cinque capi dei loro casati, uomini valorosi; ne furono censiti ventiduemilatrentaquattro.

8. Figli di Beker: Zemira, Ioas, Eliezer, Elioenài, Omri, Ieremòt, Abia, Anatòt e Alèmet; tutti costoro erano figli di Beker.

9. Il loro censimento, eseguito secondo le loro genealogie in base ai capi dei loro casati, indicò ventimiladuecento uomini valorosi.

10. Figli di Iedaièl: Bilan. Figli di Bilan: Ieus, Beniamino, Eud, Kenaana, Zetan, Tarsìs e Achisàcar.

11. Tutti questi erano figli di Iedaièl, capi dei loro casati, uomini valorosi, in numero di diciassettemiladuecento, pronti per una spedizione militare e per combattere.

12. Suppim e Cuppim, figli di Ir; Cusim, figlio di Acher.

13. Figli di Nèftali: Iacazièl, Guni, Iezer e Sallùm, figli di Bila.

14. Figli di Manàsse: Asrièl... quelli che gli aveva partoriti la concubina aramea: Machir, padre di Gàlaad.

15. Machir prese una moglie per Cuppim e Suppim; sua sorella si chiamava Maaca. Il secondo figlio si chiamava Zelofcàd; Zelofcàd aveva figlie.

16. Maaca, moglie di Machir, partorì un figlio che chiamò Peres, mentre suo fratello si chiamava Seres; suoi figli erano Ulam e Rekem.

17. Figli di Ulam: Bedan. Questi furono i figli di Gàlaad, figlio di Machir, figlio di Manàsse.

18. La sua sorella Ammolèket partorì Iseod, Abièzer e Macla.

19. Figli di Semidà furono Achian, Seken, Likchi e Aniam.

20. Figli di Efraim: Sutèlach, di cui fu figlio Bered, di cui fu figlio Tacat, di cui fu figlio Eleadà, di cui fu figlio Tacat,

21. di cui fu figlio Zabad, di cui furono figli Sutèlach, Ezer ed Elead, uccisi dagli uomini di Gat, indigeni della regione, perché erano scesi a razziarne il bestiame.

22. Il loro padre Efraim li pianse per molti giorni e i suoi fratelli vennero per consolarlo.

23. Quindi si unì alla moglie che rimase incinta e partorì un figlio che il padre chiamò Beria, perché nato con la sventura in casa.

24. Figlia di Efraim fu Seera, la quale edificò Bet-Coròn inferiore e superiore e Uzen-Seera.

25. Suo figlio fu anche Refach, di cui fu figlio Resef, di cui fu figlio Telach, di cui fu figlio Tacan,

26. di cui fu figlio Laadan, di cui fu figlio Amiùd, di cui fu figlio Elisamà,

27. di cui fu figlio Nun, di cui fu figlio Giosuè.

28. Loro proprietà e loro domicilio furono Betel con le dipendenze, a oriente Naaran, a occidente Ghezer con le dipendenze, Sichem con le dipendenze fino ad Aiia con le dipendenze.

29. Appartenevano ai figli di Manàsse: Beisan con le dipendenze, Tàanach con le dipendenze e Dor con le dipendenze. In queste località abitavano i figli di Giuseppe, figlio di Israele.

30. Figli di Aser: Imna, Isva, Isvi, Beria e Serach loro sorella.

31. Figli di Beria: Cheber e Malchiel, padre di Birzait.

32. Cheber generò Iaflet, Semer, Cotam e Suà loro sorella.

33. Figli di Iaflet: Pasach, Bimeàl e Asvat; questi furono i figli di Iaflet.

34. Figli di Semer suo fratello: Roga, Cubba e Aram.

35. Figli di Chelem suo fratello: Zofach, Imna, Seles e Amal.

36. Figli di Zofach: Such, Carnefer, Sual, Beri, Imra,

37. Bezer, Od, Sammà, Silsa, Itran e Beera.

38. Figli di Ieter: Iefunne, Pispa e Ara.

39. Figli di Ulla: Arach, Caniel e Rizia.

40. Tutti costoro furono figli di Aser, capi di casati, uomini scelti e valorosi, capi tra i principi. Nel loro censimento, eseguito in base alla capacità militare, risultò il numero ventiseimila.



Livros sugeridos


“É necessário manter o coração aberto para o Céu e aguardar, de lá, o celeste orvalho.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.