1. Chi teme il Signore non incontrerà il male, ma dopo la prova sarà liberato.

2. L'uomo saggio non odia la legge, ma chi finge con essa è come mare in tempesta.

3. L'uomo ragionevole confida nella Parola, accoglie la legge come responso di un oracolo.

4. Prepara la tua parola perché sia ascoltata, ripensa alla tua istruzione e poi rispondi.

5. Ruota di carro i sentimenti dello stolto e asse che gira è il suo pensiero.

6. L'amico derisore è come uno stallone che nitrisce sotto chiunque lo cavalca.

7. Perché un giorno è superiore a un altro, anche se la loro luce viene dal sole?

8. Sono stati distinti dalla mente del Signore che ha diversificato stagioni e feste.

9. Alcuni giorni ha scelto per santificarli, gli altri li destina solo a far numero.

10. Anche gli uomini vengon tutti dal fango, e Adamo fu creato dalla terra;

11. ma il Signore li ha distinti con grande sapienza e ha diversificato le loro vie.

12. Alcuni li ha benedetti ed elevati, alcuni li ha santificati e avvicinati a sé; altri li ha maledetti e umiliati, li ha rovesciati dalla loro posizione.

13. Com'è la creta nelle mani del vasaio che può plasmarla a suo piacimento, così son gli uomini in mano al loro Creatore che dà a ciascuno secondo la sua decisione.

14. Davanti al male c'è il bene e davanti alla morte la vita, così davanti all'uomo pio c'è il peccatore.

15. Guarda così a tutte le opere dell'Altissimo, due a due, l'una davanti all'altra.

16. Io sono venuto per ultimo, come chi racimola dopo la vendemmia.

17. Ho fatto presto, con la benedizione del Signore, e ho riempito il tino come chi vendemmia.

18. Vedete che non ho faticato per me solo ma per tutti quelli che cercano l'istruzione.

19. Ascoltatemi, o grandi del popolo, e quanti dirigete l'assemblea, udite.

20. Al figlio e alla moglie, al fratello e all'amico non dar potere su di te, finché vivi. Non dare ad altri i tuoi averi, perché, se cambi idea, non debba richiederli.

21. Finché vivi e c'è in te respiro, non cedere i tuoi averi a nessuno.

22. E' meglio infatti che i figli chiedano a te che non esser tu ad attendere dalle loro mani.

23. In tutte le opere mantieni la superiorità, non esporre al biasimo la tua dignità.

24. Quando finiranno i giorni della vita, solo al momento della morte, fa' il testamento.

25. Fieno, bastone e carichi per l'asino, pane, disciplina e lavoro per lo schiavo.

26. Se lo fai lavorare con rigore, starai in pace, se risparmi le sue mani, cercherà la libertà.

27. Giogo e bardatura piegano il collo, corde e torture lo schiavo svogliato.

28. Mandalo a lavorare perché non resti ozioso, l'ozio infatti insegna molti disordini.

29. Mettilo a lavorare perché questo è il suo dovere, se non obbedisce, opprimilo con i ceppi.

30. Ma non esagerare con nessun uomo, e non far nulla contro il diritto.

31. Se hai uno schiavo, sia come te, perché l'hai comprato a prezzo di sangue.

32. Se hai uno schiavo, trattalo da fratello, perché ti necessita come la tua vita.

33. Se, maltrattato, fugge e t'abbandona, in quale via lo cercherai?



Livros sugeridos


“Seja paciente nas aflições que o Senhor lhe manda.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.