1. Questi sono i nomi dei figli d'Israele che entrarono in Egitto con Giacobbe, ognuno con la propria famiglia:

2. Ruben, Simeone, Levi, Giuda,

3. Issacar, Zàbulon, Beniamino,

4. Dan, Nèftali, Gad e Aser.

5. La somma di tutti coloro che erano stati generati da Giacobbe era di settanta. Giuseppe era già in Egitto.

6. Giuseppe morì, con tutti i suoi fratelli e tutta quella generazione.

7. I figli d'Israele prolificarono e pullularono, si moltiplicarono e divennero molto, molto forti, tanto che il paese si riempì di loro.

8. Ma sorse sull'Egitto un nuovo re che non aveva conosciuto Giuseppe,

9. e disse al suo popolo: "Ecco, il popolo dei figli d'Israele è più grande e più forte di noi:

10. su, comportiamoci saggiamente con lui, perché non si moltiplichi; e se ci sarà una guerra non si aggiunga anch'esso a chi ci odia e combatta contro di noi e poi se ne vada dal paese".

11. Gl'imposero perciò dei sovrintendenti ai lavori forzati per opprimerlo con i loro pesi, e costruì città-magazzino per il faraone: Pitom e Ramses.

12. Ma più lo opprimevano, più si moltiplicava e straripava: ed ebbero paura dei figli di Israele.

13. Allora l'Egitto sottopose i figli d'Israele a un lavoro massacrante:

14. amareggiarono la loro vita con un duro lavoro, con l'argilla e i mattoni, con ogni genere di lavoro nei campi: ogni specie di lavoro massacrante con cui li fecero lavorare.

15. Il re d'Egitto disse alle levatrici ebree, delle quali una si chiamava Sifra e la seconda Pua:

16. "Quando farete partorire le donne ebree, mirate al sedile per il parto: se è un figlio, uccidetelo; se è una figlia, lasciatela in vita".

17. Ma le levatrici ebbero timor di Dio e non fecero come aveva detto loro il re d'Egitto, e lasciarono in vita i figli.

18. Il re d'Egitto chiamò allora le levatrici e disse loro: "Perché avete fatto questo e avete lasciato in vita i figli?".

19. Le levatrici dissero al faraone: "Perché le donne ebree non sono come le egiziane: sono piene di vita. Prima che arrivino da loro le levatrici hanno già partorito".

20. Dio fece del bene alle levatrici, mentre il popolo si moltiplicò e diventò molto forte.

21. E poiché le levatrici avevano temuto Dio, egli fece loro avere una famiglia.

22. Ma il faraone ordinò così a tutto il suo popolo: "Ogni figlio che nascerà, gettatelo nel fiume: lasciate vivere invece le figlie".




Visite nossa livraria



“Se precisamos ter paciência para suportar os defeitos dos outros, quanto mais ainda precisamos para tolerar nossos próprios defeitos!” São Padre Pio de Pietrelcina