1. Dopo ciò Davide sconfisse i Filistei, li sottomise e prese loro Gat con le sue dipendenze.

2. Quindi sconfisse Moab e i Moabiti divennero vassalli di Davide e suoi tributari.

3. Davide inoltre sconfisse Adad-E'zer, re di Zoba, verso Camat, mentre si recava a stabilire il suo dominio sul fiume Eufrate.

4. Davide gli prese mille carri, settemila cavalieri e ventimila fanti; Davide tagliò i garretti a tutti i cavalli risparmiandone un centinaio.

5. Gli Aramei di Damasco vennero in aiuto di Adad-E'zer, re di Zoba, ma Davide uccise ventiduemila di questi Aramei.

6. Davide stabilì governatori nell'Aram di Damasco e gli Aramei divennero vassalli e tributari di Davide. Il Signore concesse la vittoria a Davide in ogni sua impresa.

7. Egli prese anche gli scudi d'oro portati dagli ufficiali di Adad-E'zer e li trasportò a Gerusalemme.

8. Da Tibcat e da Cun, città di Adad-E'zer, Davide asportò una grande quantità di bronzo, con cui Salomone costruì il mare di bronzo, le colonne e le suppellettili di bronzo.

9. Quando Tou, re di Camat, ebbe udito che Davide aveva sconfitto tutto l'esercito di Adad-E'zer, re di Zoba,

10. inviò il figlio suo Adoram al re Davide per salutarlo e per felicitarlo di aver combattuto e vinto Adad-E'zer; infatti Tou era sempre in guerra con Adad-E'zer. Adoram portava con sé oggetti d'oro, d'argento e di bronzo.

11. Anche questi oggetti il re Davide consacrò al Signore insieme con l'argento e l'oro che aveva preso da tutti i popoli, cioè da Edom, da Moab, dagli Ammoniti, dai Filistei e dagli Amaleciti.

12. Abisai, figlio di Zeruià, sconfisse nella Valle del Sale diciottomila Edomiti.

13. Davide pose guarnigioni in Edom; tutti gli Edomiti divennero suoi vassalli. Il Signore rendeva Davide vittorioso in ogni sua impresa.

14. Davide regnò su tutto Israele e rese giustizia con le sue sentenze a tutto il popolo.

15. Ioab, figlio di Zeruià, era comandante dell'esercito; Giosafat, figlio di Achilud, era archivista.

16. Zadòk, figlio di Achitùb e Abimèlech, figlio di Ebiatàr erano sacerdoti, mentre Savsa era scriba.

17. Benaià, figlio di Ioiadà, comandava i Cretei e i Peletei; i figli di Davide poi erano i primi a fianco del re.



Livros sugeridos


“É sempre necessário ir para a frente, nunca para trás, na vida espiritual. O barco que pára em vez de ir adiante é empurrado para trás pelo vento.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.