1. Allora Giobbe rispose:

2. "Davvero voi siete gente importante e con voi morirà la sapienza!

3. Ma anch'io ho senno come voi, non sono da meno di voi. Del resto chi ignora tali cose?

4. Sono un oggetto di beffa per il mio vicino, io che gridavo a Dio per avere una risposta; deriso è il giusto, il perfetto!

5. Disprezzo per l'infelice, pensano i soddisfatti, un colpo per coloro il cui piede vacilla.

6. Sono tranquille le tende dei razziatori, c'è sicurezza per coloro che provocano Dio, pensando di ridurlo in loro potere.

7. Ma interroga pure le bestie, esse ti istruiranno; gli uccelli del cielo, essi ti informeranno;

8. o i rettili della terra, essi ti daranno lezione, te lo racconteranno i pesci del mare.

9. Chi non sa, tra tutti questi esseri, che la mano del Signore ha fatto questo?

10. Egli tiene in suo potere l'anima di ogni vivente e il soffio di ogni carne umana.

11. Forse che l'orecchio non distingue le parole e il palato non gusta i cibi?

12. Presso gli anziani sta la sapienza e nella vita lunga la prudenza.

13. In lui risiede la sapienza e la forza, sue sono la perspicacia e la prudenza.

14. Ecco, ciò che egli distrugge non viene riedificato; se imprigiona qualcuno, non si può liberare.

15. Se trattiene le acque, è la siccità; se le lascia scorrere, devastano la terra.

16. Egli possiede potenza ed efficacia, in suo potere sono l'ingannato e l'ingannatore.

17. Fa andare scalzi i consiglieri e colpisce di demenza i governanti.

18. Spoglia i re delle loro insegne e cinge con una corda i loro fianchi.

19. Fa andare scalzi i sacerdoti e fa deviare i potenti.

20. Toglie la parola ai confidenti e priva di senno gli anziani.

21. Versa il disprezzo sui nobili ed allenta la cintura dei robusti.

22. Svela gli abissi delle tenebre ed espone alla luce l'ombra di morte.

23. Fa grandi i popoli e poi li fa perire; incrementa le nazioni e poi le sopprime.

24. Toglie il senno ai capi del paese e li fa vagare per solitudini impervie.

25. Brancolano a tentoni nelle tenebre, senza luce, e li fa barcollare come ubriachi.



Livros sugeridos


“Quando a videira se separa da estaca que a sustenta, cai, e ao ficar na terra apodrece com todos os cachos que possui. Alerta, portanto, o demônio não dorme!” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.