1. Ogni amico dirà: "Anch'io sono amico!". Ma c'è chi è amico solo di nome.

2. Non è un dolore simile alla morte un compagno e amico che diventa nemico?

3. O desiderio del male, come ti sei insinuato per coprire la terra di malizia?

4. C'è l'amico che gode quando uno è contento, ma se ne sta lontano nel tempo della tribolazione.

5. C'è il compagno che faticherà con l'amico, ma per lo stomaco, e al momento dell'attacco leverà lo scudo.

6. Non dimenticare l'amico nel tuo animo, e non trascurarlo quando hai ricchezza.

7. Ogni consigliere vanta il suo consiglio, ma c'è chi consiglia nel suo interesse.

8. Sta' in guardia quando uno ti consiglia, sappi prima qual è il suo interesse. Egli infatti può consigliare nel proprio interesse, e non getterà la sorte in tuo favore.

9. Egli ti dirà: "La via che hai scelto è buona", ma starà lontano a vedere quel che ti càpita.

10. Non consigliarti con chi ti guarda con sospetto, e nascondi la tua intenzione a chi ha invidia.

11. Non consultare in nessun caso: una donna sulla sua rivale, un timido sulla guerra, un commerciante sugli affari, un compratore su una vendita, un invidioso sulla gratitudine, un egoista sulla benevolenza, un pigro su qualunque lavoro, un salariato sulla fine del lavoro, un servo pigro su un grande lavoro; non rivolgerti a loro per nessun consiglio.

12. Ma frequenta l'uomo pio, che sai che osserva i comandamenti, il cui animo è come il tuo animo, che, se cadi, sa soffrire con te.

13. E fìdati del consiglio del tuo cuore, ché nessun altro ti è più fedele.

14. Infatti il proprio animo talora sa avvisare meglio che sette sentinelle sopra la torre.

15. Ma soprattutto prega l'Altissimo, perché diriga nella verità la tua vita.

16. L'inizio d'ogni azione è nel discorso, e prima d'ogni opera c'è il consiglio.

17. Nel cuore si notano i vari cambiamenti, sono quattro le possibilità che vi si manifestano:

18. il bene e il male, la vita e la morte; ma chi tutte le decide è sempre la lingua.

19. C'è chi è abile per insegnare a molti, ma è inutile a se stesso.

20. C'è chi fa il bravo nel parlare, ma è odiato e finisce col mancare d'ogni cibo;

21. non gli è stata data dal Signore la piacevolezza, ed è stato privato d'ogni sapienza.

22. Se uno è sapiente con se stesso, se ne vedono i frutti anche sul suo corpo.

23. L'uomo saggio istruisce il proprio popolo, quanto nasce dalla sua mente merita fiducia.

24. L'uomo saggio avrà molte benedizioni, tutti quelli che lo vedono lo dicono beato.

25. La vita dell'uomo ha i giorni misurati, ma i giorni d'Israele son senza numero.

26. Il saggio riceverà onore nel suo popolo e il suo nome vivrà per sempre.

27. Figlio, per tutta la vita esamina te stesso, non concederti quanto vedi che è male.

28. Perché non tutto serve a tutti, e non a tutti piace tutto.

29. Non essere insaziabile di godimento, non abbondare nelle delizie.

30. Perché nei molti cibi c'è la malattia e l'ingordigia porta la colica.

31. L'ingordigia ha portato molti alla tomba, chi se ne guarda prolunga la sua vita.



Livros sugeridos


“Mantenha-se sempre muito unido à Igreja Católica, pois somente ela pode lhe dar a verdadeira paz, porque somente ela possui Jesus Sacramentado que é o verdadeiro príncipe da paz.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.