1. Osserva il mese di Abib e celebra la Pasqua per il Signore tuo Dio, perché nel mese di Abib il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire dall'Egitto, durante la notte.

2. Immolerai la Pasqua al Signore tuo Dio: un sacrificio di piccolo e di grosso bestiame, nel luogo che egli sceglierà per farvi dimorare il suo nome.

3. Non mangerai con essa pasta lievitata; per sette giorni mangerai con essa gli azzimi, un pane di miseria, poiché con trepidazione sei uscito dalla terra d'Egitto; così ti ricorderai del giorno della tua uscita dalla terra d'Egitto per tutti i giorni della tua vita.

4. Non si vedrà presso di te lievito in tutto il tuo territorio per sette giorni, né dovrà rimanere per tutta la notte fino al mattino alcunché della carne che tu hai sacrificato la sera del primo giorno.

5. Non potrai immolare la Pasqua dentro una delle tue città che il Signore tuo Dio ti dona,

6. ma la immolerai nel luogo che egli sceglierà per farvi dimorare il suo nome; la immolerai alla sera, al tramonto del sole, nell'ora in cui sei uscito dall'Egitto.

7. La farai cuocere e la mangerai nel luogo che il Signore tuo Dio sceglierà. Al mattino dopo tornerai e andrai nelle tue tende.

8. Per sei giorni mangerai azzimi; nel settimo giorno si terrà un'adunanza in onore del Signore tuo Dio; non farai alcun lavoro.

9. Conterai sette settimane. Quando la falce avrà cominciato a mietere il frumento, comincerai a contare sette settimane,

10. e celebrerai la festa delle Settimane in onore del Signore tuo Dio, offrendo nella misura della generosità della tua mano, secondo che il Signore tuo Dio ti avrà benedetto.

11. Ti rallegrerai al cospetto del Signore tuo Dio tu, tuo figlio, tua figlia, il tuo servo, la tua serva, il levita che è nella tua città, il forestiero, l'orfano e la vedova che si trovano in mezzo a te, nel luogo che il Signore tuo Dio sceglierà per farvi abitare il suo nome.

12. Ricordati che sei stato schiavo in Egitto: osserva e pratica questi ordinamenti.

13. Celebrerai la festa delle Capanne per sette giorni quando raccoglierai il prodotto della tua aia e del tuo torchio,

14. e ti rallegrerai nella tua festa, tu, tuo figlio, tua figlia, il tuo servo, la tua serva, il levita, il forestiero, l'orfano e la vedova che si trovano nella tua città.

15. Per sette giorni celebrerai la festa in onore del Signore tuo Dio nel luogo che egli sceglierà; perché il Signore tuo Dio ti benedirà in ogni tuo raccolto e in ogni opera delle tue mani e sarai pienamente contento.

16. Tre volte all'anno compariranno tutti i tuoi maschi al cospetto del Signore tuo Dio nel luogo che sceglierà: nella festa degli Azzimi, nella festa delle Settimane, nella festa delle Capanne. Non compariranno al cospetto del Signore a mani vuote,

17. ma ognuno presenterà il dono della sua mano secondo quanto la benedizione del Signore tuo Dio ti avrà dato.

18. Costituirai giudici e scribi per ognuna delle tue tribù in tutte le città che il Signore tuo Dio ti dona, e giudicheranno il popolo con sentenze giuste.

19. Non torcerai il diritto, non farai preferenza di persona, non prenderai regali, perché il regalo acceca gli occhi dei saggi e perverte le parole dei giusti.

20. Seguirai solamente la giustizia, perché tu viva, e possieda la terra che il Signore tuo Dio ti dona.

21. Non pianterai un palo sacro di qualsiasi legno accanto all'altare del Signore tuo Dio che ti sarai costruito;

22. né erigerai una stele, che è in odio al Signore tuo Dio.



Livros sugeridos


O Pai celeste está sempre disposto a contentá-lo em tudo o que for para o seu bem”. São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.