1. Saulo intanto, che ancora spirava minacce e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote

2. e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco, per essere autorizzato, se avesse trovato dei seguaci della Via, uomini e donne, a condurli legati a Gerusalemme.

3. Strada facendo, mentre stava avvicinandosi a Damasco, d'improvviso una luce dal cielo gli sfolgorò d'intorno:

4. caduto a terra, udì una voce che gli diceva: "Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?".

5. Egli rispose: "Chi sei, o Signore?". E quegli: "Io sono Gesù che tu perseguiti;

6. ma àlzati in piedi, entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare".

7. Gli uomini che viaggiavano con lui stavano senza parola, poiché udivano il suono della voce ma non vedevano nessuno.

8. Saulo si alzò da terra e, aperti gli occhi, non poteva vedere nulla. Allora, prendendolo per mano, lo condussero a Damasco.

9. Stette ivi tre giorni senza vedere: non mangiò né bevve.

10. Ora c'era a Damasco un discepolo di nome Anania e il Signore gli disse in visione: "Anania!". Egli rispose: "Eccomi, Signore!".

11. E il Signore a lui: "A'lzati e va' nel vicolo chiamato Diritto e cerca, nella casa di Giuda, un uomo di Tarso di nome Saulo: eccolo infatti che sta pregando

12. e ha visto in visione un uomo di nome Anania entrare e imporgli le mani perché riacquisti la vista".

13. Anania rispose: "Signore, ho udito molti parlare di quest'uomo e di quanto male ha fatto ai tuoi santi in Gerusalemme.

14. E qui ha l'autorizzazione dai sommi sacerdoti di mettere in catene quelli che invocano il tuo nome".

15. Il Signore gli disse: "Va', poiché egli è uno strumento che io mi sono scelto per portare il mio nome davanti ai pagani, ai re e ai figli d'Israele.

16. Io poi gli mostrerò quanto dovrà patire a causa del mio nome".

17. Anania partì, entrò nella casa e imponendogli le mani disse: "Saulo, fratello! E' il Signore che mi ha mandato: quel Gesù che ti è apparso sulla strada per cui tu venivi. Mi ha mandato perché tu ricuperi la vista e sia riempito di Spirito Santo".

18. E subito gli caddero dagli occhi come delle scaglie e riprese a vedere. Allora si alzò, fu battezzato,

19. prese cibo e ricuperò le forze. Si trattenne con i discepoli che erano a Damasco per alcuni giorni

20. e subito si mise a predicare Gesù nelle sinagoghe proclamando: "Questi è il Figlio di Dio!".

21. E tutti coloro che lo udivano restavano sbalorditi e dicevano: "Non è forse lui quello che si è accanito in Gerusalemme contro coloro che invocano questo nome, ed è venuto qui proprio per condurli incatenati ai sommi sacerdoti?".

22. Ma Saulo si animava sempre più e confondeva i Giudei che abitavano in Damasco, sostenendo che costui è il Cristo.

23. Passati parecchi giorni, i Giudei si accordarono per ucciderlo.

24. Ma la loro trama fu resa nota a Saulo. Essi sorvegliavano anche le porte della città giorno e notte per ucciderlo.

25. Allora i suoi discepoli lo presero di notte e lo calarono lungo il muro in una sporta.

26. Giunto a Gerusalemme, cercava di associarsi ai discepoli; ma tutti lo temevano, non credendo che fosse un discepolo.

27. Allora Bàrnaba lo prese con sé, lo condusse dagli apostoli e raccontò loro come per strada aveva visto il Signore, il quale gli aveva parlato, e come a Damasco aveva predicato apertamente nel nome di Gesù.

28. Da allora restò con loro in Gerusalemme in piena familiarità e prese coraggio per parlare apertamente nel nome del Signore.

29. Parlava e disputava con gli ellenisti; ma quelli tramavano per ucciderlo.

30. I fratelli, venuti a conoscenza della cosa, lo condussero a Cesarea e lo fecero partire per Tarso.

31. La chiesa, intanto, in tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria era in pace e si edificava e progrediva nel timore del Signore, piena della consolazione dello Spirito Santo.

32. Or avvenne che Pietro, percorrendo tutte queste regioni, discese anche presso i santi che abitavano in Lidda.

33. Trovò qui un uomo di nome Enea, che da otto anni giaceva su un letto, perché era paralitico.

34. E Pietro gli disse: "Enea, Gesù Cristo ti guarisce: sorgi e rifatti da solo il tuo letto". E subito si alzò.

35. Lo videro tutti quelli che abitavano Lidda e la pianura di Saron, e si convertirono al Signore.

36. A Giaffa c'era una discepola di nome Tabità, che significa Gazzella. Essa faceva molte opere buone e molte elemosine.

37. Proprio in quei giorni si ammalò e morì. Lavarono il cadavere e lo esposero al piano superiore.

38. Essendo Lidda vicino a Giaffa, i discepoli, saputo che Pietro si trovava colà, mandarono da lui due uomini pregandolo: "Non tardare a venire fino a noi!".

39. Pietro si alzò e partì con loro. Quando giunse, lo condussero al piano superiore e si presentarono a lui tutte le vedove che piangevano e gli mostravano le tuniche e le vesti che Gazzella faceva quando era ancora con loro.

40. Pietro allora fece uscire tutti e postosi in ginocchio pregò. Rivolto al cadavere disse: "Tabità, àlzati!". Ella aprì gli occhi e, veduto Pietro, si pose a sedere.

41. Egli, dandole la mano, la fece alzare. Poi chiamò i santi e le vedove e la presentò loro viva.

42. Questo fatto fu risaputo in tutta Giaffa e molti credettero nel Signore.

43. Egli rimase in Giaffa parecchi giorni, in casa di un certo Simone conciatore di pelli.



Livros sugeridos


“Ele e ouvir a Sua voz por meio das Suas inspirações e iluminações interiores.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.