1. Alzai gli occhi e guardai. Ecco quattro corna.

2. Allora domandai all'angelo che parlava con me: "Queste che cosa sono?". Mi rispose: "Queste sono le corna che hanno causato la dispersione di Giuda, di Israele e di Gerusalemme!".

3. Il Signore mi fece poi vedere quattro artigiani.

4. Io domandai: "Che vengono a fare costoro?". Mi rispose: "Quelle sono le corna che hanno causato la dispersione di Giuda, così che nessuno può più alzare la testa. Ma questi sono venuti per atterrirle, per abbattere le corna delle nazioni che hanno alzato le loro corna contro il paese di Giuda, causandone la dispersione!".

5. Alzai gli occhi e guardai. Ed ecco un uomo che teneva in mano una corda per misurare.

6. Gli domandai: "Dove vai?". Mi rispose: "A misurare Gerusalemme, per vedere quale deve essere la sua larghezza e quale la sua lunghezza".

7. Ed ecco l'angelo che mi parlava stava fermo e un altro angelo gli veniva incontro.

8. Gli disse: "Corri, parla a quel giovane e digli: Città aperta resterà Gerusalemme, tanti saranno gli uomini e gli animali in essa.

9. Io sarò per lei, oracolo del Signore, un muro di fuoco tutt'intorno e sua gloria sarò io in mezzo ad essa!".

10. Ohi! Ohi! Fuggite dal paese del nord! Oracolo del Signore. Ai quattro venti del cielo io vi ho dispersi. Oracolo del Signore.

11. Ohi! Sion, sàlvati, tu che abiti in Babilonia!

12. Perché così dice il Signore degli eserciti, la cui Gloria mi ha inviato, alle nazioni che vi hanno spogliato: Sì, chi tocca voi tocca la pupilla del mio occhio!

13. Ecco, agito la mia mano contro di loro e saranno preda dei loro schiavi! Così saprete che il Signore degli eserciti mi ha inviato!

14. Giubila, rallègrati, figlia di Sion! Sì, ecco io vengo, abiterò in mezzo a te. Oracolo del Signore.

15. E molte nazioni si attaccheranno al Signore in quel giorno; saranno per lui un popolo e abiteranno in mezzo a te. Così saprai che il Signore degli eserciti mi ha inviato a te!

16. Il Signore farà di Giuda la sua proprietà nella terra santa; sceglierà di nuovo Gerusalemme.

17. Taccia ogni uomo davanti al Signore, perché si sveglia dalla sua dimora!



Livros sugeridos


“Amar significa dar aos outros – especialmente a quem precisa e a quem sofre – o que de melhor temos em nós mesmos e de nós mesmos; e de dá-lo sorridentes e felizes, renunciando ao nosso egoísmo, à nossa alegria, ao nosso prazer e ao nosso orgulho”. São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.