1. Si radunarono intorno a Gesù i farisei e alcuni scribi, venuti da Gerusalemme,

2. i quali notarono che alcuni dei suoi discepoli prendevano i pasti con mani impure, ossia non lavate.

3. I farisei, infatti, come tutti i Giudei, non mangiano se prima non si sono lavati accuratamente le mani, secondo la tradizione ricevuta dagli antichi;

4. e anche tornando dal mercato, non mangiano senza prima essersi purificati. Vi sono, inoltre, molte altre cose che essi hanno ricevuto e che devono rispettare, come lavature di coppe, di orciuoli e di vasi di rame.

5. I farisei e gli scribi, dunque, gli domandarono: "Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma mangiano il pane con mani impure?".

6. Rispose loro: "Bene di voi, ipocriti, ha profetato Isaia, secondo quanto sta scritto: Questo popolo mi onora con le labbra, ma il loro cuore è lontano da me.

7. Invano, però, mi prestano culto, mentre insegnano dottrine che sono precetti di uomini.

8. Infatti, lasciando da parte i comandamenti di Dio, voi vi attaccate alla tradizione degli antichi".

9. Diceva ancora loro: "Con disinvoltura voi abrogate il comandamento di Dio per stabilire la vostra tradizione.

10. Mosè, infatti, ha detto: Onora tuo padre e tua madre; e: Chi oltraggia il padre e la madre sia punito con la morte.

11. Voi, invece, dite che se uno dice al padre o alla madre: Corbàn, cioè: sia offerta sacra ciò che da parte mia dovresti ricevere,

12. non gli lasciate fare più nulla per il padre o per la madre.

13. Così annullate la parola di Dio per la tradizione che voi stessi vi siete tramandata. E di cose simili a questa ne fate ancora molte".

14. Quindi, chiamata a sé di nuovo la folla, diceva loro: "Ascoltatemi tutti e intendete!

15. Non c'è nulla di esterno all'uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo. Piuttosto sono le cose che escono dall'uomo quelle che contaminano l'uomo.

16. Chi ha orecchi da intendere, intenda!".

17. Quando poi fu entrato in casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogarono intorno a tale parabola.

18. Egli disse loro: "Anche voi siete ancora privi di intelligenza? Non capite che tutto ciò che di esterno entra nell'uomo non può contaminarlo,

19. giacché non entra nel suo cuore, bensì nel ventre per finire poi nella fogna?". Così dichiarava puri tutti gli alimenti.

20. E diceva: "Ciò che esce dall'uomo, questo, sì, contamina l'uomo.

21. Dall'interno, cioè dal cuore degli uomini, procedono i cattivi pensieri, le fornicazioni, i furti, le uccisioni,

22. gli adultèri, le cupidigie, le malvagità, l'inganno, la lascivia, l'invidia, la bestemmia, la superbia e la stoltezza.

23. Tutte queste cose malvagie procedono dall'interno e contaminano l'uomo".

24. Partito di là, andò nel territorio di Tiro e di Sidone, ed essendo entrato in una casa voleva che nessuno lo sapesse, ma non poté restare nascosto.

25. Anzi, ben presto una donna, la cui figliola era posseduta da uno spirito immondo, avendo sentito parlare di lui, venne e gli si gettò ai piedi.

26. La donna era pagana e sirofenicia di origine. Lo pregò di scacciare il demonio da sua figlia,

27. ma egli le disse: "Lascia che prima siano saziati i figli, perché non sta bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini".

28. Quella, allora, replicò: "Sì, Signore, ma anche i cagnolini sotto la tavola mangiano le briciole dei figli!".

29. Egli, perciò, le disse: "A motivo di questa tua parola, va' pure! Il demonio è già uscito da tua figlia".

30. Quella, tornata a casa, trovò la figlioletta stesa sul letto, mentre il demonio ne era già uscito.

31. Di nuovo, partito dal territorio di Tiro e passando per Sidone, venne al mare di Galilea, in mezzo al territorio della Decapoli.

32. Gli portarono un uomo sordo e muto e lo pregarono di imporgli le mani.

33. Allora egli, presolo in disparte, lontano dalla folla, gli mise le dita nelle orecchie e con la saliva gli toccò la lingua;

34. quindi, alzati gli occhi al cielo, sospirò e disse: "Effathà!", che significa: "A'priti!".

35. E subito le sue orecchie si aprirono e il nodo della sua lingua si sciolse, sicché parlava correttamente.

36. Egli comandò loro di non dirlo a nessuno; ma quanto più lo comandava, tanto più quelli lo divulgavano;

37. e al colmo dello stupore dicevano: "Ha fatto bene ogni cosa! Fa udire i sordi e parlare i muti!".



Livros sugeridos


“Mesmo a menor transgressão às leis de Deus será levada em conta.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.