1. Nell'anno quattrocentottanta dopo l'uscita dei figli d'Israele dal paese d'Egitto, nel quinto anno del regno di Salomone su Israele, nel mese di Ziv, il secondo mese dell'anno, egli incominciò a costruire il tempio del Signore.

2. Il tempio che il re Salomone costruì al Signore era lungo sessanta cubiti, largo venti e alto trenta.

3. Il vestibolo di fronte all'aula del tempio era lungo venti cubiti nel senso della larghezza del tempio, e dieci cubiti nel senso della lunghezza del tempio.

4. Fece al tempio finestre quadrate e a griglie.

5. Fabbricò pure a ridosso del muro del tempio un annesso attorno all'aula e alla cella; e vi costruì intorno degli appartamenti.

6. Il piano inferiore era largo cinque cubiti, l'intermedio sei cubiti e il terzo sette cubiti, perché egli fece il lato esterno a rientranze, tutt'intorno al tempio, per non penetrare nelle mura del tempio.

7. Nella costruzione del tempio si usarono pietre già squadrate, cosicché, durante la costruzione, non si udì nel tempio rumore di martelli o di piccone o di qualsiasi strumento di ferro.

8. L'ingresso al piano inferiore era situato al lato destro del tempio; di qui, mediante una scala a chiocciola, si saliva al piano intermedio e da questo al terzo.

9. Dopo aver condotto a termine la costruzione del tempio, gli fece un soffitto con tavole e travi di cedro.

10. Costruì pure l'annesso intorno a tutto il tempio, alto cinque cubiti per piano, e lo collegò con il tempio mediante legni di cedro.

11. La parola del Signore fu rivolta a Salomone in questi termini:

12. "Per questo tempio che tu mi stai edificando, sappi che, se camminerai secondo i miei statuti, eseguirai i miei ordini e custodirai tutti i miei comandi, camminando in conformità ad essi, anch'io darò compimento alla mia promessa su di te, quella che ho fatta a Davide tuo padre,

13. abiterò in mezzo ai figli d'Israele, né mai abbandonerò il mio popolo, Israele".

14. Così Salomone costruì il tempio e lo portò a termine.

15. Allestì pure l'interno delle pareti del tempio con tavole di cedro, rivestendole internamente di legno dal pavimento del tempio fino alle travi del soffitto e coprì il pavimento del tempio con tavole di cipresso.

16. Rivestì di tavole di cedro anche lo spazio di venti cubiti in fondo al tempio, dal pavimento alle travi, riservandolo per la cella, cioè il santo dei santi.

17. L'aula era di quaranta cubiti dinanzi alla cella.

18. Il legno di cedro all'interno del tempio era scolpito a rosoni e a ghirlande di fiori; il tutto era di cedro né si vedeva alcuna pietra.

19. Dentro il tempio fece approntare una cella per collocarvi l'arca dell'alleanza del Signore.

20. La cella misurava venti cubiti di lunghezza, venti di larghezza e venti di altezza; egli la rivestì di oro finissimo e fece un altare di cedro.

21. Salomone rivestì il tempio all'interno di oro finissimo e stese catenelle auree dinanzi alla cella, tutta rivestita d'oro.

22. Rivestì completamente di oro tutto il tempio e tutto l'altare ch'era dinanzi alla cella.

23. Nella cella poi fece due cherubini di legno d'ulivo, alti ciascuno dieci cubiti.

24. Un'ala del cherubino misurava cinque cubiti e l'altra ala del cherubino misurava pur essa cinque cubiti: c'erano dieci cubiti dall'estremità di un'ala all'estremità dell'altra.

25. Il secondo cherubino era pure di dieci cubiti; identica era la dimensione e identica la figura dei due cherubini.

26. L'altezza del primo cherubino era di dieci cubiti, e così anche quella del secondo.

27. Collocò i due cherubini nell'interno del tempio, in fondo; qui tenevano le loro ali distese in modo che l'ala del primo toccava la parete e l'ala del secondo toccava la parete opposta e le ali di mezzo al tempio si toccavano, ala ad ala.

28. Rivestì d'oro i cherubini.

29. Su tutte le pareti del tempio, all'intorno, scolpì figure di cherubini, palme e ghirlande di fiori, tanto all'interno che all'esterno.

30. Ricoprì d'oro il pavimento del tempio, tanto all'interno che all'esterno.

31. Fece la porta della cella con battenti in legno d'ulivo; l'architrave e gli stipiti formavano un pentagono.

32. Fece anche due battenti in legno d'ulivo su cui scolpì figure di cherubini, palme e ghirlande di fiori, che ricoprì d'oro; in particolare pose foglie d'oro sui cherubini e sulle palme.

33. Ugualmente per la porta dell'aula sacra fece stipiti in legno d'ulivo, stipiti quadrangolari

34. e due battenti in legno di cipresso: ognuno constava di due pezzi pieghevoli su se stessi.

35. Vi scolpì cherubini, palme e ghirlande di fiori e li rivestì d'oro perfettamente aderente.

36. Quindi costruì il muro del cortile interno con tre strati di pietre squadrate e uno strato di tavole di cedro.

37. Nel quarto anno, il mese di Ziv, furono gettate le fondamenta del tempio del Signore;

38. nell'anno undicesimo, nel mese di Bul, che è l'ottavo, il tempio fu condotto a termine secondo tutto il suo piano e tutto il suo ordinamento. Egli lo costruì in sette anni.



Livros sugeridos


“Padre Pio disse a um filho espiritual: Trabalhe! Ele perguntou: No que devo trabalhar, Padre? Ele respondeu: Em amar sempre mais a Jesus!” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.