1. Il Signore disse a Mosè:

2. "Ordina ad Aronne e ai suoi figli che si astengano dalle cose sante dei figli d'Israele e non profanino il mio santo nome in quelle cose che essi mi consacrano. Io sono il Signore.

3. Di' loro: Per tutte le vostre generazioni, chiunque fra la vostra discendenza si avvicini in stato d'impurità alle cose sacre che i figli d'Israele consacrano al Signore, sia eliminato dalla mia presenza. Io sono il Signore.

4. Nessuno della discendenza di Aronne, affetto da lebbra o da scolo, mangi delle cose sante fino a che non sia puro. Chi tocca qualsiasi cosa diventata impura a causa di un morto o di un uomo da cui sia uscito seme,

5. o abbia toccato un animale strisciante che lo rende impuro, o un uomo che gli comunichi un'impurità, di qualsiasi specie,

6. chiunque abbia avuto tali contatti è impuro fino a sera e non mangerà le cose sacre se non dopo essersi lavato il corpo con acqua.

7. Quando il sole sarà tramontato, sarà puro e potrà mangiare le cose sante, perché sono il suo cibo.

8. Il sacerdote non mangerà bestie morte o sbranate, contraendone impurità. Io sono il Signore.

9. I sacerdoti osservino tutte le mie disposizioni, così non porteranno il peso del peccato e non morranno per aver profanato le cose sante. Io sono il Signore che li santifica.

10. Nessun profano mangi quanto è sacro; né l'ospite del sacerdote né il salariato mangino quanto è sacro.

11. Ma se il sacerdote acquista una persona con il suo denaro, questi ne potrà mangiare e anche colui che è nato in casa; essi mangiano del suo stesso cibo.

12. Se la figlia del sacerdote sposa un estraneo, non mangi delle offerte delle cose sante;

13. ma se la figlia del sacerdote è vedova o ripudiata senza figli, e torna alla casa di suo padre, come nella sua fanciullezza, mangi il cibo di suo padre. Nessun profano ne mangi.

14. Chi per inavvertenza abbia mangiato di quanto è sacro, aggiunga un quinto e restituisca al sacerdote la cosa sacra.

15. Non profanino le cose sante dei figli d'Israele, ciò che essi hanno prelevato per il Signore;

16. si caricherebbero di un peccato che richiede riparazione. Io infatti sono il Signore che li santifica".

17. Il Signore disse a Mosè:

18. "Parla ad Aronne e ai suoi figli e a tutti i figli d'Israele e di' loro: Chiunque nella casa d'Israele o fra i residenti porti la sua offerta, sia voto o offerta spontanea da offrire al Signore in olocausto,

19. lo faccia in modo che essa sia gradita: senza difetto, maschio, bovino, ovino o capro.

20. Non offrano nulla che abbia un difetto, perché non sarebbe gradito.

21. Un uomo che offra un sacrificio di comunione al Signore per adempiere un voto o come offerta spontanea sia bovino che ovino, per essere gradito sia perfetta: non abbia alcun difetto.

22. Non offrite al Signore animali ciechi, storpi, mutilati, ulcerati, scabbiosi o purulenti, e nulla di essi deporrete sull'altare per il Signore come dono.

23. Di un bue o di una pecora nana o deforme potrai fare un'offerta volontaria, ma come voto non sarà accettata.

24. Non offrite al Signore animali i cui testicoli siano rientrati, schiacciati, strappati o tagliati. Non fatelo nella vostra terra,

25. né prendete dalla mano di uno straniero nessun animale di tal genere per offrirlo come cibo al vostro Dio; perché, se deformi o difettosi, non sarebbero accettati per il vostro bene".

26. Il Signore disse a Mosè:

27. "Quando viene partorito un vitello o un agnello o un capretto, per sette giorni resterà accanto alla madre e a partire dal giorno ottavo sarà accettato come offerta in dono al Signore.

28. Non immolerete mucca o pecora con il suo piccolo nello stesso giorno.

29. Quando offrirete un'immolazione di ringraziamento, immolatela in modo che sia gradita:

30. sia mangiata lo stesso giorno, non ne lasciate nulla fino al mattino seguente. Io sono il Signore.

31. Osservate tutti i miei precetti e metteteli in pratica. Io sono il Signore.

32. Non profanate il mio santo nome, affinché io sia proclamato santo in mezzo ai figli d'Israele. Io sono il Signore che vi santifica,

33. colui che vi ha fatto uscire dalla terra d'Egitto, per essere per voi Dio. Io sono il Signore".



Livros sugeridos


“Não se desencoraje, pois, se na alma existe o contínuo esforço de melhorar, no final o Senhor a premia fazendo nela florir, de repente, todas as virtudes como num jardim florido.” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.