1. Ora invece si fanno beffe di me i più giovani di me in età, i cui padri avrei rifiutato di lasciare tra i cani del mio gregge.

2. Del resto, a che cosa mi sarebbe servita la forza delle loro mani? In esse è spento ogni vigore.

3. Disfatti per la miseria e la fame, andavano brucando l'arido deserto, lugubre e vasta solitudine;

4. raccoglievano l'erba salsa accanto ai cespugli, alimentandosi delle radici di ginestra.

5. Cacciati via dal consorzio umano, si urlava dietro a loro, come a ladri.

6. Abitavano nei dirupi delle valli, nelle caverne del suolo e nelle rocce.

7. Gridavano fra gli arbusti, accalcandosi sotto i roveti.

8. Razza di stolti e gente senza nome, cacciati dal paese.

9. Ora sono diventato io la loro canzone, sono il tema delle loro burle.

10. Mi aborriscono, si distanziano da me; non hanno risparmiato gli sputi al mio volto.

11. Dio ha sciolto la corda del mio arco e mi ha umiliato, rompendo ogni freno davanti a me.

12. Alla mia destra insorge la canaglia, smuovono i miei passi e preparano il cammino al mio sterminio.

13. Demoliscono il mio sentiero, cospirando per la mia disfatta, senza che nessuno si opponga loro.

14. Irrompono per una vasta breccia, strisciano in mezzo alle macerie.

15. Mi piombano addosso gli spaventi, si dissipa come il vento la mia dignità, si dilegua come nube la mia felicità.

16. Ora io mi struggo nell'intimo; mi opprimono giorni di tristezza.

17. Di notte mi si slogano le ossa e i dolori che mi rodono non hanno tregua.

18. A gran forza mi afferra per la veste, mi stringe il collo della tunica.

19. Mi getta nel fango e mi confondo con la polvere e la cenere.

20. Io grido a te e tu non rispondi; mi presento e tu non badi a me.

21. Ti sei fatto crudele con me e mi perseguiti con tutta la forza del tuo braccio.

22. Mi sollevi e mi poni a cavallo del vento, mi fai travolgere dalla bufera.

23. So bene che mi conduci alla morte, dove convengono tutti i viventi.

24. Pertanto io non portavo la mano contro il povero, se nella sua sventura gridava verso di me.

25. Non ho io forse pianto con l'oppresso, non ho avuto compassione del povero?

26. Mi aspettavo la felicità e venne la sventura; aspettavo la luce e venne il buio.

27. Le mie viscere ribollono senza posa, e giorni di affanno mi sono venuti incontro.

28. Cammino triste, senza conforto, mi alzo nell'assemblea per invocare aiuto.

29. Sono diventato fratello degli sciacalli e compagno degli struzzi.

30. La mia pelle annerita mi si stacca e le mie ossa bruciano per la febbre.

31. La mia cetra serve per lamenti e il mio flauto per la voce di chi piange.



Livros sugeridos


“Se você tem dúvidas sobre a fé é exatamente porque tem fé!” São Padre Pio de Pietrelcina

Newsletter

Receba as novidades, artigos e noticias deste portal.